Storia e leggenda russa della Befana Babushka - Natale per bambini

Babushka (Leggenda di Natale russa)

Conosciamo la storia della nostra Befana che la sera dell’Epifania porta doni, caramelle e carbone dolci ai bambini. Ma sapete che esiste anche una Befana in Russia? Si chiama Babushka ed ecco la sua storia..

Anche la Russia ha la sua befana, si chiama Babushka e all’inizio della sua storia era una massaia che aveva la casa più bella e tenuta in ordine di tutto il paese. Passava tutto il suo tempo a pulire la casa e quando non puliva, cucinava deliziose pietanze in enorme quantità. Purtroppo però, tutto il suo lavoro domestico era dovuto al fatto che non volesse pensare ad un grande dolore, il suo unico figlio piccolo che era appena morto.
L’unica cosa piena di polvere in quella casa era infatti una cesta dove erano raccolti tutti i regali del figlio che Babushka non aveva voluto più toccare. Una notte vennero a bussare alla sua porta alcuni pastori infreddoliti, in cerca di un tetto dove dormire. Babushka che era indubbiamente una brava persona glielo offrì chiedendo loro: “ma che ci fate fuori con questo freddo terribile? Siete matti?”
I pastori le risposero che stavano seguendo una stella, una stella che indicava il luogo in cui era nato un bambino molto speciale, re del cielo e della terra e che se voleva sarebbe potuta andare con loro. Babushka rifiutò l’offerta convinta che il vedere il bambino le avrebbe riportato alla luce i vecchi ricordi di suo figlio .
Il giorno dopo però decise di partire alla volta del bambino divino con la cesta dei regali del figlio morto per donarli a lui. Ma arrivò troppo tardi: Maria e Giuseppe se ne erano andati… Così decise di donare un dono a tutti i bambini che avrebbe incontrato da lì in avanti.

Babushka (Leggenda di Natale russa), 10.0 out of 10 based on 1 rating
GD Star Rating
loading...
Autore : , 28/09/2018

STORIA DA STAMPARE

Clicca sull’immagine per stamparla:

Babushka (Leggenda di Natale russa), 10.0 out of 10 based on 1 rating

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA: *