ABBECEDARI PER BAMBINI

natale_A-200x140Abbecedari, alfabeti per bambini da stampare gratuitamente per i bambini della Scuola dell’Infanzia o di Prima elementare. Abbecedari per imparare a riconoscere le lettere dell’alfabeto o per esercitarsi nella scrittura di maiuscole, minuscole e corsivo.
L’alfabeto italiano è composto da ventuno lettere ed è il sistema di scrittura alfabetico utilizzato per trascrivere i fonemi propri della lingua italiana. Nella pratica sono utilizzate anche altre 5 lettere (lettere straniere), ma si parla in questo caso di alfabeto latino.

GD Star Rating
loading...
Alfabeto per bambini
L'abbecedario pubblicato da Cose perCrescere, particolare...
L’alfabeto di Topo
Un abbecedario per bambini da stampare e colorare. Topo, il...
Abbecedario del Natale
Tutte le lettere dell'alfabeto da stampare, colorare,...
Abbecedario di Natale
Un abbecedario di Natale, tutte le lettere dell'alfabeto...
Traccia e colora
Un intero quaderno con tutte le lettere dell'alfabeto in...
Abbecedario da colorare
Colorare le lettere dell’alfabeto per imparare...
Natale: abbecedari
Abbecedari natalizi da stampare e colorare per imparare a...

ALFABETO ITALIANO PER BAMBINI

L’alfabeto italiano deriva fondamentalmente da quello latino antico, che arrivò a comprendere 23 lettere in età repubblicana: A B C D E F G H I K L M N O P Q R S T V X Y Z.
Anticamente le lettere avevano un’unica forma, più somigliante alle nostre maiuscole o alle nostre minuscole a seconda degli stili di scrittura. Poi, nel corso del Medioevo si cominciò ad alternare nello stesso scritto due diversi stili, uno detto “maiuscolo” e riservato nei titoli alle lettere iniziali di certe parole, e l’altro detto “minuscolo” e usato per il resto del testo. In un secondo momento le lettere minuscole venivano usate insieme alle maiuscole nel testo.
Le lettere Y, K e X vengono eliminate dall’alfabeto latino  nel Medioevo, le prime due a causa del loro già scarso utilizzo nella lingua latina , la terza per assimilazione in doppia S o per trasformazione in S sorda; l’uso della Z al contrario aumenterà molto, anche perché andrà a sostituire la T del digramma “TI + vocale” (omofona alla Z). La J, invece,  inizia ad essere usata nel ‘500 fino all’inizio del XX secolo. Le lettere I e J erano ancora considerate equivalenti, per quanto riguarda l’ordine alfabetico nei dizionari e nelle enciclopedie italiani, fino alla metà del XX secolo. Dalla fine dell’Ottocento in poi, la lettera J cadde in disuso, tranne che in alcune parole particolari.