Gli insiemi alla scuola primaria

Lo studio degli insiemi inizia in prima elementare con l’apprendimento del concetto di insieme, argomento non sempre facile in quanto si tratta di un concetto astratto e intuitivo che richiede un senso della logica e una certa maturità.
In seconda elementare, i bambini riescono a classificare gli elementi in base ad uno o più attributi e a riconoscere l’attributo (o gli attributi) relativo alla classificazione. La classificazione degli insiemi potrà quindi essere richiesta secondo più di un attributo, ad esempio, gli oggetti rossi e che servono in un astuccio. Ai bambini potrà anche richiesto di sapere classificare gli oggetti mediante una proprietà e la sua negazione, formare insiemi e sottoinsiemi oltre a individuare l’insieme complementare.
Nella classe terza, i bambini hanno ormai acquisito una conoscenza del concetto di insiemi e sono in grado di classificare gli elementi in sottoinsiemi. Sarà quindi introdotto il concetto di intersezione di due insiemi ovvero l’insieme formato dagli elementi in comune a A e B.
Alla fine della classe quarta, l’alunno è di solito in grado di leggere e comprendere testi che coinvolgono aspetti logici e matematici e potrà risolvere problemi che richiedono di individuare le proprietà di oggetti, figure e numeri classificandoli oltre a sapere utilizzare i diagrammi di Eulero-Venn e di Carroll.