Campionato mondiale di calcio femminile spiegato ai bambini

Calcio femminile: le italiane ai mondiali

Dal 7 giugno al 7 luglio la Francia ospita l’ottava edizione del campionato mondiale di calcio femminile, organizzato per la prima volta in Cina nel 1991. L’Italia torna a giocare dopo vent’anni di assenza mentre l’America è campione in carica perché ha conquistato la coppa in Canada nel 2015. Questo è anche il primo mondiale femminile in cui viene utilizzato il VAR (video assistant referee).

Cos’è il VAR?

E’ un arbitro, posizionato fuori dal campo, che affianca l’arbitro in campo sfruttando le telecamere messe a bordo campo o sulla linea di porta per verificare quello che succede durante la partita e aiutare l’arbitro presente in campo a non farsi sfuggire niente. Per qualsiasi mancanza l’arbitro in campo è avvisato con un segnale sonoro (suono).
Ogni campionato ha una mascotte, cioè una persona, oggetto o animale considerati come portafortuna.

Lo sai qual è la mascotte di questo campionato?

E’ Ettie. Il suo nome deriva da “étoile”, termine francese che indica una stella. Ettie è una giovane gallina con la passione per il calcio e per la vita. Vestita alla marinaretto (piccolo marinaio) con i colori che richiamano la bandiera francese: blu, bianco e rosso. La scelta di questo animale è perché assomiglia ad un gallo simbolo nazionale francese.

Com’è il pallone?

Il pallone ufficiale di Francia 2019 ha una base di colore bianco con colori blu e verdi brillanti collegati da un rosso fuoco… se lo vedi dall’alto sembra la nostra Terra!

Stefania Fanucci 


per sapere

GD Star Rating
loading...
Autore : , 10/06/2019

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA: *