La giornata della Terra

Il 22 aprile di ogni anno viene celebrata dalle Nazioni Unite e dalle tante organizzazioni che difendono l’ambiente la Giornata della Terra. L’obiettivo dell’evento è quello di difendere e tutelare l’equilibrio della natura prendendosi cura delle foreste, evitando lo spreco di risorse, promuovendo fonti energetiche non inquinanti, combattendo il riscaldamento globale e cambiando le nostre abitudini di vita.

Un mondo che cambia

Gli esseri umani stanno cambiando la Terra. Stiamo consumando le risorse naturali, cacciando gli animali e inquinando terra, mari e aria.

Perché?

La popolazione aumenta di circa 80 milioni di persone all’anno. Di anno in anno abbiamo, quindi, bisogno di più terre su cui vivere e coltivare e utilizziamo sempre di più le risorse naturali.

Poi c’è il riscaldamento globale… che cos’è?

L’atmosfera terrestre intrappola in maniera naturale parte del calore del Sole: è il cosiddetto effetto serra. Usare materiali come carbone e petrolio aumenta la quantità di gas nell’aria piano piano. Il pianeta Terra si scalda sempre di più. Il fenomeno è chiamato riscaldamento globale. Il riscaldamento globale sta cambiando il clima e i fenomeni meteorologici in molte regioni del pianeta: una delle conseguenze è l’aumento di eventi climatici estremi come inondazioni (tanta acqua) e siccità (poca acqua).

E i rifiuti ?

Noi produciamo un sacco di rifiuti, contenitori per cibo e bevande, lattine e tanto altro. I rifiuti che non possono essere riciclati vengono raccolti nelle discariche. Più rifiuti produciamo, più luoghi diventano discariche.

E l’ambiente?

Le foreste pluviali, i deserti, le praterie, i ghiacciai sono tutti habitat che potrebbero scomparire a causa dell’intervento dell’uomo. Alcuni vengono distrutti per prendere le risorse che li compongono oppure per fare spazio per le attività dell’uomo; altri luoghi sono colpiti dai cambiamenti del clima.

Cosa puoi fare?

Esistono nuove tecnologie che possono darci delle soluzioni come ad esempio le automobili elettriche e le turbine eoliche. Poi ci sono alcune cose che puoi fare anche tu: utilizzare per gli spostamenti la bicicletta o il tram, ridurre la quantità di cose che acquistiamo, riutilizzare le cose e riciclare le materie per produrre nuovi oggetti.
Se hai un piccolo giardino coltiva frutta e verdura… il cibo coltivato in casa è buonissimo!


LE PAROLE DIFFICILI:
naturali: quelle fornite dalla natura.
discariche: luoghi di scarico rifiuti. habitat: insieme dell’ambiente in cui vive una certa specie di animali o di piante.
turbine: macchina che utilizzando acqua, vapore o gas produce energia.
eoliche: mosse dal vento.