Il coronavirus spiegato ai bambini della scuola primaria

Il virus in gabbia

Il governo ha stabilito, settimana scorsa, alcuni divieti per evitare che il virus Covid19 si diffonda. Ci sono delle zone in Italia definite “rosse” dove si invitano le persone a non uscire di casa. Ci sono poliziotti, carabinieri e soldati dell’esercito che impediscono a chi è dentro le zone rosse di uscire e a chi è fuori di entrare. Ma sono tutti destinati ad ammalarsi? No, anche nei luoghi dove l’infezione è presente, pochissimi contraggono (prendono) la malattia e la maggior parte delle persone guarisce. Gli uomini e le donne che ci governano sono impegnati a trovare delle soluzioni e cercano di tenere il virus in “gabbia” perché non si diffonda di più.

Cos’è il Covid19?

E’ un virus di cui i ricercatori stanno studiando come combatterlo. Questo virus appartiene ad un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate. Il nome coronavirus è dato dalla forma di questo virus che presenta in superficie le punte a forma di corona.

Cosa è successo?

Questa forma di influenza, di cui non è stato trovato ancora il vaccino, ha colpito le persone anziane che sono morte perché soffrivano di altre malattie quindi erano più fragili e non sono riuscite a resistere al virus. Per questo motivo il governo ha chiuso tutti i luoghi dove le persone si incontrano: per isolare il virus e studiarlo.

A casa da scuola

Le scuole sono chiuse ma questo non significa che gli alunni non possono continuare a studiare da casa. E’ la didattica digitale, la risorsa che la scuola ha adottato nella settimana di chiusura forzata. Le lezioni e le interrogazioni sono state fatte on-line con l’utilizzo di computer e tablet.

Lo sai perché negli ultimi giorni sono aumentate le persone positive al virus?

Perché sono aumentati i controlli e tante persone hanno fatto le analisi.

Lo sai perché oltre alle scuole hanno chiuso anche i teatri, i cinema e i centri sportivi?

Per evitare che il virus si diffonda di più.

Tu cosa devi fare?

Non c’è da avere paura. Hai sentito parlare del coronavirus e avere paura non aiuta. Ciò che aiuta è:

  • Tossire nel gomito
  • Stare a casa se hai la febbre
  • Non stuzzicare (toccare) naso, bocca e occhi
  • Lavarti bene le mani.

Stefania Fanucci


per sapere

Il virus in gabbia, 8.0 out of 10 based on 2 ratings
GD Star Rating
a WordPress rating system
Autore : , 02/03/2020

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA: *