L’inverno e la primavera

L'inverno e la primavera

L’inverno e la primavera è una favola di Esopo adatta ai bambini che frequentano la scuola primaria e la scuola dell’infanzia. Racconta di come queste due stagioni così diverse, non sono mai riuscite ad andare d’accordo. Ma poco importa perché quando compare una, l’altra si deve umilmente ritirare… Questa storia sulla primavera, ha anche una bella morale: Per ottenere rispetto ed amore non serve utilizzare la forza ed incutere paura, i migliori risultati si ottengono con la bontà e la dolcezza.

Sommario

Storia di primavera da stampare

Per stampare la storia, scorri la pagina verso il basso e clicca sulla storia impaginata e illustrata con un disegno da colorare: si aprirà una seconda finestra, con la storia per bambini pronta per essere stampata e/o scaricata.

L’inverno e la primavera: il testo

Un giorno il signor Inverno si trovò faccia a faccia con la giovane signorina Primavera. L’anziana stagione, con quella sua aria sapiente prese a dire: “Mia cara amica, tu non sai essere decisa e determinata. Quando giunge il tuo periodo annuale, le persone e gli animali ne approfittano per precipitarsi fuori dalle loro case o dalle loro tane e si riversano in quei prati che tu, con tanta premura, hai provveduto a far fiorire. Essi strappano i giovani arbusti, calpestano senza pietà l’erba e assorbono ogni sorso di quel sole splendente che, col tuo arrivo diventa più caldo. I tuoi frutti vengono ignobilmente raccolti e divorati e infine, con il baccano e la cagnara che tutti fanno, non ti permettono neppure di riposare in pace. Invece io incuto timore e rispetto con le mie nebbie, il freddo e il gelo. La gente si rintana in casa e non esce quasi mai per paura del brutto tempo e così mi lascia riposare tranquillo”. La bella e dolce Primavera, colpita da quelle parole, rispose: “Il mio arrivo è desiderato da tutti e le persone mi amano. Tu non puoi nemmeno immaginare cosa significhi essere tanto apprezzati. E’ una sensazione bellissima che non potrai mai provare perché con il freddo che porti al tuo arrivo anche i cuori più caldi si raggelano”. L’inverno non disse più niente e si fermò a riflettere. Forse, essere ammirati ed amati dagli altri, poteva anche essere una bella sensazione.

Storia da stampare

Clicca sulla storia per stamparla:
L'inverno e la primavera