Cos'è il metodo Montessori - Obiettivi e differenze con scuola tradizionale

Cos’è il metodo Montessori?

Anche se le scuole Montessori sono nettamente minoritarie rispetto alle scuole tradizionali, sono molti i genitori che scelgono questo tipo di metodo educativo per i propri figli. Facciamo il punto e vediamo come nasce e quali sono i suoi obiettivi.
Il metodo Montessori è un sistema educativo, studiato, creato e sviluppato da una dottoressa italiana, Maria Montessori che aprì la sua prima classe, chiamata “La casa dei bambini”, nel 1907 in un edificio popolare a Roma.

Obiettivi della pedagogia Montessori

“Aiutamoli a fare da soli”: questa frase riassume perfettamente i concetti base del pensiero montessoriano. Il punto fondamentale di questa pedagogia è promuovere l’autonomia del bambino adeguandosi ai suoi bisogni. Aiutare il bambino a sviluppare la consapevolezza delle sue potenzialità in modo naturale, con l’aiuto di appositi materiali educativi, sviluppando i sensi, le capacità motorie, logico-matematiche e linguistiche.

  • Insegnare l’autonomia al bambino: la pedagogia Montessori invita il bambino ad imparare da solo, attraverso giochi, esercizi ed esperienze. E’ il bambino che decide quale attività vuole intraprendere e non sarà guidato per riuscire a portare a termine esercizi e attività. In questo modo, e con il principio di ripetizione, imparerà a diventare autonomo.
  • Il bambino impara secondo il proprio ritmo: le scuole non sono organizzate per classe, ma per livello di sviluppo. In questo modo, si evita di creare frustrazione e mancanza di autostima.
  • Maggiore fiducia in se stesso: il bambino acquisisce una maggiore fiducia in se stesso, poiché riesce da solo a portare a termine gli esercizi che gli vengono proposti.

Differenza tra metodo Montessori e scuola tradizionale

  • Il metodo Montessori si basa sui bisogni del bambino: mentre l’educazione tradizionale si basa sull’età del bambino, il metodo Montessori si basa sui suoi stadi di sviluppo. I gruppi di lavoro sono quindi di età eterogenea.
  • Nessuna prestazione, nessun punteggio: la prestazione del bambino non viene valutata. Quello che conta sono i progressi di ogni bambino. Si considera che gli errori servono per imparare e i bambini sono educati a autocorreggersi. Nella scuola tradizionale, gli errori vengono segnalati dall’insegnante.
  • Nell’educazione Montessori, i bambini hanno modi e tempi diversi di imparare: l’approccio Montessori è studiato nel rispetto di queste diversità mentre nella scuola tradizionale modalità e ritmi sono gli stessi per tutti.
  • Nella scuola Montessori, i bambini deducono contenuti, regole e significati dalla propria esperienza. Nella scuola tradizionale. Contenuti, regole e significati sono direttamente trasmessi dall’insegnante.
GD Star Rating
loading...
Autore : , 16/04/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA: *