Sindrome della morte in culla

morte in culla SIDSCos’è la sindrome della morte in culla e come possiamo prevenirla? La sindrome della morte improvvisa del lattante , la SIDS, non è direttamente causata dalla culla ma è spesso chiamata “sindrome della morte in culla” perché molti dei bambini colpiti da questa sindrome vengono trovarti morti nella loro culla.

La SIDS si manifesta nei bambini al di sotto di un anno di vita, per la maggior parte dei casi tra i 2 e 3 mesi e colpisce i neonati durante il sonno. Il piccolo, in buona salute, si addormenta e smette di respirare all’improvviso, senza cause mediche apparenti.

Non si conoscono le cause di questa sindrome ma sappiamo quali sono i fattori di rischio:

  • E’ preferibile fare dormire i bambini a pancia in su;
  • Il materasso non deve essere molle o deformato;
  • I bambini non devono dormire in mezzo a cuscini, coperte o piumoni.

Qualche consiglio da mettere in pratica per non correre rischi:

  • Fate dormire il bambino a pancia in su;
  • Scegliete un materasso piatto e rigido;
  • Non fate dormire il bambino su superfici molli come coperte, cuscini, piumoni…
  • Non copritelo troppo e tenete la stanza ad una temperatura adeguata, 20 o 21°C;
  • Non fumate. Sembra infatti che i figli di madri fumatrici siano più predisposti ad essere colpiti da SIDS;
  • Date un succhiotto (pulito e asciutto) al bambino quando lo mettete a letto. Non obbligatelo a tenerlo e se allattate al seno non usate il succhiotto prima del compimento del primo mese;
  • Fate dormire il bambino vicino al vostro letto, nella vostra camera, per i primi sei mesi.
Sindrome della morte in culla, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
GD Star Rating
loading...
Autore :

Tags:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei × = 48

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>