Le zone umide

Le zone umide, dal suolo impregnato d’acqua e di frequente ricoperte da uno strato di acqua stagnante, fanno da transizione tra gli habitat terrestri e quelli acquatici.
 Le paludi si trovano in genere lungo i corsi d’acqua o negli estuari (dove i fiumi sfociano nel mare).

Lo stagno (o acquitrino) è invece uno specchio d’acqua ferma dal fondale poco profondo e può essere sia naturale sia artificiale. La ricca e diversificata vegetazione delle zone umide costituisce un habitat in grado di accogliere una vasta fauna: pesci, uccelli, insetti acquatici, rane… Possono considerarsi zone umide i laghi, le torbiere, gli stagni, i litorali con le acque marine costiere e, tra le opere artificiali, le casse di espansione, i canali, le saline, le vasche di colmata…

Tra le zone umide si trovano anche le mangrovie (foreste paludose tropicali) e le torbiere.

Vedi anche>>>
L’acqua sul nostro pianeta
Il ciclo naturale dell’acqua
Tutto il dossier sull’acqua

Le zone umide, 10.0 out of 10 based on 1 rating
GD Star Rating
loading...
Autore :

Tags: , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− quattro = 2

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>