La paghetta: qualche definizione

Prima di decidere se dare o no una paghetta ai nostri figli, cerchiamo di definire cosa intendiamo per paghetta. Queste semplici definizioni vi aiuteranno a fare il punto e a prendere una decisione o a giustificarla.

LE RISORSE DEI NOSTRI FIGLI
E’ l’insieme delle somme di denaro di cui i nostri figli possono disporre per spenderlo o per metterlo da parte. Possono essere:

  • Una paghetta versata regolarmente,
  • Regali in denaro che riceve da parenti o da persone vicine,
  • Compensi per piccole mansioni svolte,
  • Ricompense in denaro per motivi diversi.

Le somme messe a disposizione dei bambini sono, a volte, più importanti di quanto si pensi.

LA PAGHETTA
La paghetta è una somma di denaro versata al bambino, con una cadenza regolare, al fine di permettergli di sostenere delle spese personali finora gestite dai suoi genitori. Questo presuppone che, prima di stabilire una somma per la paghetta, genitori e figlio abbiano deciso in modo chiaro quali spese saranno da questo momento in poi sotto la responsabilità del bambino.
Per esempio, i genitori continueranno a sostenere i vestiti ed il necessario ma, tutto il “superfluo” o “piacere” sarà d’ora in avanti pagato dal bambino.
La paghetta non è la controparte di un lavoro o di una mansione. La paghetta non è ne un salario ne un dovuto.

IL COMPENSO
Il compenso è la controparte finanziaria versata ad un bambino per una mansione od un lavoro svolto.
Per esempio:

  • Pulire la cameretta
  • Apparecchiare
  • Portare fuori la pattumiera
  • Tagliare il prato

Ogni famiglia stabilisce, in funzione dei propri valori e della propria educazione, quello che deve o non deve essere corrisposto. Se un bambino riordina la propria camera, per esempio, il genitore deciderà in base ai propri valori e all’insegnamento che vuole dare ai propri figli, se il bambino merita una ricompensa o se il fatto di tenere in ordine la cameretta fa parte del normale comportamento da tenere all’interno del nucleo familiare.
Il compenso ricevuto per un lavoro non deve essere integrato alla paghetta ma deve essere gestito in modo separato, anche se aumenta le risorse del bambino.

LE RICOMPENSE
E’ preferibile non confondere la paghetta con una ricompensa per i risultati scolastici. Ovviamente, un genitore può ricompensare un bambino per dei buoni risultati ma è preferibile separare le due cose.

I REGALI
I bambini, di solito, possiedono sin dalla più tenera età un salvadanaio destinato a raccogliere piccoli regali in denaro. Le occasioni sono tante:

  • Dentini
  • Feste
  • Ricompense
  • Regali
  • Strenne

IL BUDGET
Il budget è una maniera strutturata di gestire il proprio denaro e permette anche di riuscire a realizzare e portare a termine un progetto. Disponendo di denaro proprio, i nostri figli potranno imparare a stabilire e gestire un piccolo budget.

Stabilire un semplice budget permette al bambino di:

  • Conoscere la somma di cui dispone
  • Conoscere e stabilire le spese che dovrà sostenere
  • Valutare la somma di cui dispone
  • Finanziare il suo progetto (o un acquisto importante)

Vedi anche>>>
Paghetta si o paghetta no?
Paghetta: qualche definizione

La paghetta: qualche definizione, 9.0 out of 10 based on 2 ratings
GD Star Rating
loading...
Autore :

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× sette = 63

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>