Adottare un gatto

GattiniAdottare un gatto significa prendere un impegno che durerà diversi anni. Bisogna, prima di tutto, avere bene in mente che il vostro nuovo piccolo amico dovrà essere accudito, coccolato e nutrito quotidianamente per diversi anni. Il gatto, a differenza del cane, si adatta facilmente sia alla vita in appartamento sia alla solitudine ma ciò non significa che non avrà bisogno della vostra presenza, delle vostre cure e del vostro affetto. E’ quindi importante valutare quanto tempo potete dedicargli prima di fare il passo.

Potendo scegliere, in genere, preferiamo tutti adottare un cucciolo. Ed è più che comprensibile. Come non essere inteneriti e divertiti dai gattini? Può sembrarci inoltre, che sarà più semplice educarlo e che il nostro nuovo coinquilino si adatterà così più facilmente al nuovo ambiente. Eppure, non è sempre così… Chi adotta un gatto adulto (un gatto è considerato adulto dagli 8-10 mesi) può in genere informarsi sul suo carattere, sulle sue abitudini e capire se è adatto o meno alla propria casa.

Il giorno del suo arrivo, qualsiasi sia la sua età, lasciate che il gatto giri per casa, valuti quale sarà il suo territorio, scopra stanze, armadi, angoli nascosti… oltre ad essere un animale particolarmente curioso, il gatto ha bisogno di conoscere perfettamente il proprio territorio o lo spazio che lo diventerà.

Il gatto si adatta facilmente ad una nuova casa ma non bisogna sottovalutare che molti di loro hanno già un vissuto, anche se minimo per i cuccioli, in un altro ambiente. Lasciategli quindi il tempo necessario perché riesca ad abituarsi alla sua nuova famiglia… ne sarete presto ampiamente ricompensati! Il gatto, infatti, segue una regola fondamentale: rispettami, dammi fiducia e farò altrettanto…

Avete già un animale in casa? Lasciate che si conoscano e si accettino senza cercare d’intervenire o accelerare i tempi… anche se dovessero litigare per un po’ (sempre nei limiti), ricordate che il problema del territorio è fondamentale per gli animali. Una buona soluzione è lasciare il nuovo arrivato (il gatto) nella trasportino che avrete usato per i primi minuti in modo che l’altro animale, già di casa, abbia modo di annusarlo e iniziare a capire chi è questo intruso. Lasciate che ognuno abbia tutto lo spazio di cui ha bisogno e piano piano, impareranno ad accettarsi e vivere sotto lo stesso tetto.

GD Star Rating
loading...
Autore :

Tags:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>